Rolle



vedi l'articolo in dettaglio
Rolle

Descrizione

Un incantevole saliscendi di colline pettinate da vigneti assolati, punteggiate qua e là da rigogliosi alberi da frutto e da vecchi casolari perfettamente ristrutturati.

Ecco Rolle, l’ameno borgo agreste fra le colline a sud di Cison: indiscussa terra del notissimo Prosecco docg e nulla, ma proprio nulla, da invidiare alle pur splendide colline dell’entroterra toscano, definita dal più insigne dei poeti italiani viventi, Andrea Zanzotto, “una cartolina spedita dagli Dei”.

A ragione, dunque, nel 2004 il Fondo per l’Ambiente Italiano ha ricompresso Rolle, tutta intera, come punto di riferimento FAI. Dalla piazzetta del paese si gode di una vista mozzafiato: i curati filari di vite rivolti a mezzogiorno che si perdono a vista d’occhio lungo dolci declivi.

La minuta chiesa, eretta nelle vicinanze e dedicata a San Giacomo, custodisce qualche interessante opera dell’artista locale Egidio dall’Oglio, ma a Rolle si viene per ben altro: l’opera indiscutibilmente più preziosa è infatti quella della natura, sapientemente modellata nei secoli dal rispettoso lavorio dell’uomo.

Un errore imperdonabile, dunque, quello di farsi mancare un’incantevole passeggia, a piedi o cavallo, amici e famigliari al seguito, nelle stradine di campagna che circondano il borgo, con un’immancabile sosta “finale” (nel senso che non vorreste più alzarvi dal tavolo), in uno dei tanti agriturismi e ristoranti tipici del posto.

Altrettanto imperdibile, una suggestiva visita ad una delle rinomate cantine della zona, alla scoperta dei metodi di vinificazione e conservazione del Prosecco. Il tutto con un’unica certezza: dopo l’incontro col prezioso nettare, nessuno se ne tornerà a casa a mani vuote. Origine: si pensa che il toponimo Arrollis derivi da rubus, che può far riferimento alla presenza di rovi, ma anche ad un’area franosa, più improbabile un terzo significato, ad ollas, che vorrebbe ricondurre l’origine del nome alla nota produzione di vasi in terracotta che fino al secolo scorso era una delle principali attività del paese.

Nel XIII secolo, i monaci Benedettini si stabilirono a Rolle, possedevano gran parte dei terreni coltivabili che concedevano in affitto alla gente del luogo. Parte dell’antico monastero è visibile ancora oggi vicino al centro del paese.

Dove ci troviamo


Ricerca Turismo

Newsletter

Sottoscrivi la nostra Newsletter per essere sempre aggiornato sulle nostre iniziative e novità.


Partners

Link