BENVENUTI!

Benvenuti Cison di Valmarino, uno dei Borghi più Belli d’Italia!

Lasciatevi subito incantare dalle sue bellezze storiche ed artistiche: dalla chiesa arcipretale di S. Maria Assunta (dalla doppia facciata e con le opera di Francesco Casagrande e di Egidio Dall’Oglio) alle tante edicole votive (capitelli), dal Castello Brandolini/Colomban al Tempio della Madonna delle Grazie, dalla Parrocchiale di Tovena (col prezioso organo del Callido) al nuovissimo Museo d’Arte Sacra della frazione stessa.

Venite a scoprire la natura incontaminata del Parco del Ruio, del Rifugio dei Loff sovrastante il Bosco delle Penne Mozze con le steli di Simon Benetton, della Rosada con gli antichi lavatoi, della Grotta del Ciclamino e di numerose altre oasi naturalistiche, e se, oltre al benessere, vi piace praticare attività sportive, questo è il posto giusto con i suoi qualificati percorsi di nordic walking, gli itinerari ciclabili e a cavallo, i sentieri segnalati di varia difficoltà.

Viaggiate attraverso la storia, passeggiando lungo l’antica Via Maestra o sulle Vie dell’Acqua, o percorrendo la “Strada dei 100 giorni” che, dal fondovalle, conduce, in poco tempo, al Passo San Boldo (oltre 700 m s.l.m.) prospiciente la Valbelluna; ricca è anche l'offerta di luoghi dello spirito e di riti legati alla tradizione e alla devozione, con feste patronali e sagre paesane.

Gustate i suoi prodotti di qualità: spiedo, salumi, formaggi, funghi e polenta da innaffiare con l’ottimo Prosecco D.o.c.g. ed i rinomati Rossi della zona: assaporate il tutto in una osteria con cucina, tipica del luogo, magari dopo aver pernottato in qualche B & B dall’atmosfera familiare, dove apprezzerete la cordialità dei cisonesi, o nelle diverse strutture ricettive pronte ad accogliervi.

Godetevi gli eventi proposti tutto l'anno, dai concerti musicali alle rassegne teatrali, dagli spettacoli con i burattini alle mostre d'arte, ma non mancate di visitare anche il Museo della radio d’epoca, allestito nella centralissima Piazza Roma.

Questo è anche il paradiso degli amanti dei mercatini e di quanto prodotto, con mani esperte ed autentico talento, secondo antichi saperi: da non perdere le manifestazioni, ormai conosciutissime, come “Assaporando Cison” e la sua gustosissima proposta enogastronomica, “Artigianato Vivo”, la riscoperta degli antichi mestieri e delle sempre attuali abilità artigianali, “Stelle di Natale”, con i tipici prodotti legati alle festività natalizie, la secolare Fiera franca di San Simone e Giuda a Tovena, tra le più antiche in assoluto, la Mostra dei presepi en plein air (circa 70) da ammirare a Mura attraverso le strette vie di questa borgata molto ben conservata.

Ma lasciatevi anche sedurre da scorci suggestivi e ameni come il centro storico cisonese, con i caratteristici edifici storici che vi si affacciano: il Teatro La Loggia, la sede Municipale (antico palazzo veneziano), Villa Marinelli, la residenza dei Conti Brandolini e, poco più in là, ecco le Case Marian e le ex Cantine Brandolini, completamente restaurate e fruibili e, oltre nel territorio, il caratteristico Borgo di Gai, adagiato su un dolce rialzo, l’artistica “Piazzetta” di Tovena, e molto altro ancora…

Che dire, infine, dell’amena frazione di Rolle (Borgo FAI candidato a patrimonio UNESCO), una località che il famoso poeta Andrea Zanzotto, grande appassionato del luogo, definì, a ragione, “una cartolina mandata dagli dei”.

Venite dunque a Cison di Valmarino: ne resterete piacevolmente sorpresi o, meglio, letteralmente incantati...
 

Condividi questa pagina

News

vedi l'elenco di tutte le news


Partners

Link